La firma di Lorenzo anche sul Muretto di Alassio

By , 23 ottobre, 2015, No Comment
Lorenzo Trincheri immortalato in una recente gara notturna

Lorenzo Trincheri immortalato in una recente gara notturna

(22 ottobre 2015) Finale di stagione coi fiocchi per Lorenzo Trincheri, la cui firma è ora anche su una delle piastrelle del Muretto di Alassio, a fianco di famosi personaggi della politica, dello spettacolo, della cultura e dello sport. Un “autografo” che gli è stato chiesto nei giorni scorsi dopo il fresco trionfo Alassio-Testico, corsa podistica di 19 km (con dislivello di circa 500 metri). A pochi giorni di distanza il camoscio di Alassio ha fatto centro, nei pressi di Cisano sul Neva, anche nella Pizzo Ceresa Vertical Race, cronoscalata di 3,4 km (asperità di circa 600 metri), con il tempo di 26’48”, nonostante un pettorale non favorevole ed avversari decisamente di rango. Alle sue spalle, staccato di oltre 40″, si è piazzato il torinese Filippo Barazzol, campione di sci alpinismo e specialista di corsa in montagna, mentre, per dare idea del valore del cast, tra le donne ha tagliato per prima il traguardo Marina Pavan, reduce dal 3° posto al massacrante Tour-de-Geant.
Alassio-Testico e Pizzo Ceresa, svoltesi a pochi giorni di distanza una dall’altra, facevano parte del circuito Ripido3, nel cui programma era inserita anche la prima edizione della Maremontana Vertical Race, altra gara che sarebbe stata congeniale a Trincheri, ma che èannullata però per le avverse condizioni meteo.
Nella Baia del Sole in questa stagione Trincheri si era già messo in bella mostra con il 3° posto nella Mezza di Alassio e con il successo, a suon di record, nella Vertical Roccaro di Laigueglia, svoltasi in notturna ad agosto.
Tra le altre “firme” più prestigiose di quest’anno, da segnalare la doppietta in terra francese nella Ascension al Colle della Bonette e nella Ascension de Gourdon, a Pont-du-Loup.
Prima di concludere il 2015 l’atleta del Team Brooks Italia, tesserato per il Gs Roata Chiusani, conta di prendere parte ad una maratona, quella di novembre ad Alba o quella di Pisa a dicembre, nelle quali è già stato grande protagonista in passato.
Per la prima parte della stagione 2016 il 45enne ultramaratoneta della Val Prino ha messo invece nel mirino l’Eco-Trail di Parigi e l’Ultrabericus di Vicenza.