Un grande 2009 e ora una nuova avventura

By , 7 Gennaio, 2010, No Comment

Anno da incorniciare, quello appena andato in archivio, per Lorenzo Trincheri, il fenomenale ultramaratoneta di Dolcedo, protagonista su tutti i tipi di percorso e sulle strade di tutto il mondo. Reduce dall’8° posto del 2008, tra marzo ed aprile è tornato nel deserto del Sahara per firmare una delle più belle pagine della sua carriera: completare per la seconda volta tra i top 10 della classifica finale la Marathon des Sables (oltre 200 km in autosufficienza alimentare), considerata la più massacrante gara podistica in circolazione: 6° assoluto, nuovamente primo degli italiani e secondo tra i rappresentanti europei, alla incredibile media di quasi 11 km/h. Trincheri, capace di esaltarsi sui percorsi più duri e sulle distanze “ultra”, tra luglio ed agosto ha realizzato all’estero altre due epiche imprese, grazie alle quali si è guadagnato anche la prima pagina su importanti testate (con appellativi quali “imperiale” e “superbo”): i trionfi nell’ascesa al Col de la Bonette (con record della corsa migliorato dopo 20 anni), in Francia, e nella Granada-Pico Veleda, in Spagna, gare in salita che prevedevano rispettivamente 1.600 e 2.800 metri di dislivello positivo.
In un 2009 che l’ha visto impegnato in oltre quindici competizioni di oltre 25 km, da inizio gennaio sino ad ottobre inoltrato, il camoscio della Riviera dei Fiori è salito sul podio anche nella Maratona del Brembo (gara d’apertura della stagione), in provincia di Bergamo, nel Trail della Merla (Alessandria), nella Maratona di Salsomaggiore (Parma) e nella Ecomaratona di Cuneo. In Europa, piazzamenti di prestigio, nella affollatissima Nizza-Monaco (4°), nella Zermatt Marathon e nella Jungfrau Marathon, queste ultime due prove del prestigioso circuito Mountain Marathon, e nella Ivrea-Mombarone (4°).
A livello locale, in prove cui ha partecipato soprattutto per rifinire la preparazione per le sfide più impegnative, da registrare il 10° posto nella Mezza Maratona di Imperia, nella Corsa al Monte Faudo , il successo nella Dolcedo-Casone dei Partigiani e la quarta posizione nello Scarpone d’oro di Viozene.
“Il 2009 è stato sicuramente un anno fantastico per me – afferma il campione della Val Prino -. Oltre alle grandi soddisfazioni raccolte in giro per il mondo, in giugno ho avuto la grande gioia della nascita di Ludovico. Un caloroso ringraziamento lo devo rivolgere alla mia compagna Marina, al mio primo figlio Alessio, ai miei genitori ed a tutti coloro che hanno creduto in me e mi hanno aiutato. A conti fatti, tra allenamenti, su e giù tra le splendide colline del nostro spettacolare entroterra, e gare, ho corso per tremila chilometri”.
Il popolare “Trink”, balzato alla ribalta per i suoi trascorsi di accanito fumatore e per questo motivo protagonista di un ampio servizio sul mensile Formen, era stato convocato, insieme a Marco Olmo e Franco Zanotti, per il Mondiale Trail di luglio, ma… “Nella vita bisogna fare delle scelte e avendo avuto in regalo un bimbo di nome Ludovico proprio in quel periodo, non mi sono sentito libero di allenarmi per un impegno cosi importante, ma nessun rimpianto, si presenteranno altre occasioni”.
Tra coloro che hanno sostenuto Trincheri, vanno ricordati Brooks, Riviera Trasporti, San Lorenzo, Conad, Consorzio Valorizzazione Prodotti Tipici Liguria, TecarSanremo.it, Arredamenti Fogliarini, Shaba, Val Prino Immobiliare, Csen Imperia e Comune di Dolcedo.
Per il 2010, anno del suo 40° compleanno, Lorenzo ha già messo in calendario la sua terza partecipazione alla Marathon des Sables, in calendario dal 2 al 12 aprile, nella quale proverà a migliorarsi ancora a livello individuale ed a salire sul podio nella prova a squadre.
Per l’anno che è appena cominciato c’è anche una novità: Trincheri difenderà i colori cuneesi del Gruppo Sportivo Roata Chiusani, team affiliato Fidal che annovera tra le proprie fila anche un altro superman delle gare estreme, l’inossidabile Marco Olmo. Il debutto avverrà domenica 17 gennaio in Romagna, nei pressi di Ravenna, nel Trail del Lamone (48 km).
Nelle sue imprese Trincheri sarà supportato anche dall’Associazione Oltre, sodalizio affiliato all’ente di promozione sportiva Csen, di cui è tra l’altro vicepresidente e per il quale si è reso promotore ad inizio estate di una bellissima iniziativa per i più giovani: il Baby Eco-trekking.
Da segnalare, inoltre, che anche per il 2010 Trincheri è stato inserito nella lista dei probabili azzurri dell’ultramaratona, specialità 100 km, 24 ore e ultratrail. L’agente ha già vestito più volte la maglia della nazionale sulla specialità della 100 km e detiene tutt’ora, insieme a Mario Ardemagni e Stefano Sartori, la miglior prestazione italiana a squadre, 20h06’38”, ottenuta a Winschoten (Olanda), l’11 settembre 2004. In quell’occasione, Lorenzo Trincheri ottenne anche il suo personale, 6h58’55”, grazie al quale vanta il 49° crono ed è il 18° uomo all-time in Italia. Nello stesso anno, vinse anche la medaglia d’oro a squadre sia all’Europeo che al Mondiale di specialità.
Sulle altre distanze cronometrabili annovera personali di tutto rispetto: 2h32’30” sulla maratona e 3h05’20” sulla 50 km.
A livello organizzativo non va infine dimenticato che Trincheri è stato promotore nel 2007 del primo ultratrail italiano in semi-autosufficienza alimentare, denominata “La Via Marenca”, iniziativa che non esclude poter rispolverare in futuro per far entrare anche il ponente ligure ed il suo fantastico territorio nel calendario di questa sempre più gettonata specialità.
Per seguire tutte le imprese di Lorenzo Trincheri, tra pochi giorni sarà on line la nuova versione del sito www.lorenzotrincheri.it.

Read More